Free Reading Il piano inclinato: Conversazione con Giulio Santagata e Luigi Scarola (Voci) – Z55z.co

Cambiare si pu e si deveMentre il profilo delle nostre societ veniva profondamente modificato dallimpatto della tecnologia, della finanza e della globalizzazione, ci siamo dimenticati delluguaglianza Ma senza uguaglianza la stessa crescita rallenta e le crepe nella coesione sociale alimentano i populismi, mettendo a rischio la stabilit democratica Attribuendo alla politica economica nazionale un ruolo tuttora decisivo nella correzione degli squilibri che bloccano lascensore sociale e frenano lo sviluppo, Romano Prodi indica le principali aree di intervento sulle quali agire per una crescita inclusiva che inverta la rotta sin qui seguitaGiulio Santagata stato Ministro per lAttuazione delProgramma nel secondo esecutivo guidato da RomanoProdi Attualmente Consigliere Delegato di NomismaLuigi Scarola Direttore dellArea di Sviluppo territorialee economia sociale di Nomisma


8 thoughts on “Il piano inclinato: Conversazione con Giulio Santagata e Luigi Scarola (Voci)

  1. Cliente other-media.co Cliente other-media.co says:

    Ottimo libro, mia valutazione personale, dovrebbe essere letto nelle scuole Utile a far comprendere le dinamiche macroeconomiche e le scelte politiche logiche consequenziali da effettuare Credo che una conoscenza di tali eventi, porti a una scelta consapevole e non semplicistica da parte della classe politica contemporanea Bravi solo a promuovere la persona e non il progetto condiviso o condivisibile di societ.


  2. M. D. C. Luigi M. D. C. Luigi says:

    Purtroppo neanche Prodi ha il coraggio di dire la verit , cio che la normale distribuzione di ricchezza che si avrebbe nel caos pi assoluto sappiamo essere rappresentata dalla curva di Gauss per cui i poveri sarebbero pochissimi e sostanzialmente lo stesso numero degli ultra ricchi e che ambedue si conterebbero con le dita delle mani Questo non ammette discussioni pura matematica dimostrata in modo inequivocabile da Gauss ancora secoli fa e permette di giudicare l azione dei Governi come forze creatrici di piramidi sociali che usano ogni loro mezzo per aumentare il numero dei poveri.Venga il giorno in cui i popoli tengano i loro Governi responsabili penalmente se creano maggior ingiustizia del non Governo


  3. Marcello Marcello says:

    Con linguaggio semplice e comprensibile anche ai non addetti ai lavori, Romano Prodi ci fornisce la sua lettura dei problemi che affliggono il nostro Paese dal punto di vista socio economico svilimento del lavoro, impoverimento dei ceti medio bassi, blocco dell ascensore sociale, welfare sempre pi presentato come un lusso da ridimensionare, ecc e delle possibili soluzioni Essendo egli stato uno dei protagonisti delle vicende politiche italiane negli ultimi decenni il saggio avrebbe dovuto, secondo me, contenere anche almeno un po di autocritica perch siamo arrivati a questa situazione Cosa la politica non ha saputo o voluto fare per evitare tutto ci Perch la sua stessa area politica di riferimento, al governo per periodi di tempo importanti, si ben guardata dall applicare le ricette da lui suggerite Come si gi chiesto qualcun altro, la politica non stata in grado di governare la globalizzazione o stata a sua volta governata da chi ha avuto interesse ad arrivare alla situazione attuale Incapacit o dolo In entrambi i casi, c di che essere sconfortati.


  4. Giulio Fontana Giulio Fontana says:

    Per chi ascolta spesso trasmissioni economiche es Barisoni a Radio24 il libro non dice niente di che Jobless recovery, welfare inadeguato Le uniche pagine che danno un dato in pi sono le prime, che riportano come storicamente, a meno di non essere uno di quegli stati virtuosi del nord Europa che riescono a fare ottime riforme, solo grandi eventi come le guerre sono capaci di livellare le condizioni delle classi sociali Almeno questo libro aiuta a mettersi l anima in pace .


  5. marcello amico marcello amico says:

    Stimo l autore, una delle poche persone competenti e impegnate che oggi cercano di servire al meglio il Paese.Pur se in modo non organico il libro frutto di una intervista interessante l analisi che egli fa della situazione e offre lo spunto per una seria riflessione Io ne tratto un articolo che sar pubblicato sul settimanale Centonove.


  6. Riccardo Riccardo says:

    Malgrado l analisi molto ben approfondita degli aspetti sociologici e politici della nostra attuale societ.Malgrado l affidabilit dello scrittore conosciuto per la sua preparazione.Il risultato finali risulta interessante come contenuti ma un p noiso nello scorrere della lettura, per cui si f fatica ad arrivare in fondo.


  7. fabrizio fabrizio says:

    Un po deludente Di fatto l elencazione di una serie di concetti ed idee stranote con altrettanto stranote ed a volte banali e dubbie soluzioni In sostanza una visione abbastanza realistica ma secondo un codice di lettura molto datato Vecchi problemi vecchia politica.


  8. Giorgio Giorgio says:

    Con linguaggio semplice e idee puntuali, il dialogo con Romano Prodi alimenta una visione di futuro fatta di azioni precise e di processi larghi e lunghi a cui siamo tutti invitati a partecipare.