Free pdf «Non ci possiamo più permettere uno stato sociale». Falso! By Federico Rampini – Z55z.co

Molti si sono convinti che il nostro welfare un lusso, che mantenendo certe conquiste sociali abbiamo vissuto al di sopra dei nostri mezzi , e che ora di ridimensionarci Ma siamo sicuri che sia l unica alternativa possibile Siamo davvero sicuri che l Europa in declino perch statalista e assistenziale Chi lo ha detto che lo Stato sociale deve essere smantellato


8 thoughts on “«Non ci possiamo più permettere uno stato sociale». Falso!

  1. marco berni marco berni says:

    Da un lato gli Usa. capitalismo istruzione solo per i figli di ricchi, licenziamento facile, disuguaglianze eccessive e imprese e servizi privatizzati. dall altro il modello del welfare state che l europa si prefissa. tasse basse per i ceti bassi, istruzione e sanit garantita, ecc Rampini italiano e vive negli Usa..quindi parla per dati di fatto,.non va a fantasie..


  2. ROSSI GIORGIO ROSSI GIORGIO says:

    un libro utile x comprendere meglio le basl del sistema sociale Europeo, in certi momenti eccessivamente tecnico


  3. Kokeine Kokeine says:

    libro chiaro nello stile dell autore Gli argomenti sono interessanti e le analisi in gran parte condivisibili ma trattati in maniera superficiale Sostanzialmente da prendere come base per necessari approfondimenti.


  4. gianfranco gianfranco says:

    Rampini sempre efficace e si legge volentieri Questo libro informa molto, ma lo fa in modo giornalistico se si vuole prendere il termine come superficiale Intanto non supporta la tesi del titolo, non dice cio come potremmo continuare a permetterci uno Stato sociale Il buco pi vistoso nell ultima parte, dove presenta le nuove teorie economiche favorevoli al deficit spending Non dice come queste politiche non dovrebbero creare inflazione, dato che stampando moneta si finisce comunque per creare falsa ricchezza Potrebbe indurre qualcuno a rimpiangere i bei tempi della finanza pubblica allegra, e ne abbiamo gi tanti Ma magari spiegando meglio questa teoria la risposta c era, ma Rampini non ce l ha data.


  5. S. Perinu S. Perinu says:

    Affronta le problematiche dello stato sociale oggi messo in crisi dal punto di vista corretto, senza cadere in facili semplificazioni.


  6. Mario Pilade Parodi Mario Pilade Parodi says:

    Argomenti di attualit trattati in modo scorrevole, con ampi riferimenti alla nostra situazione e con confronti con altre realt sociali in altri continenti.


  7. ivan ivan says:

    Chiaro, per nulla noioso, istruttivo, per capire meglio meccanismi di solito oscuri.Ci sono momenti del libro che ti monta dentro una rabbia indicibile Ma quello non dipende dall Autore


  8. Cliente marketing-sales.co Cliente marketing-sales.co says:

    Per le sue caratteristiche, ossia un pamphlet , il libro realizza pienamente il suo intento Questo tipo di saggio, infatti, per definizione mira a provocare e scuotere le coscienze acquisendo e presentando con forza un punto di vista volutamente di parte In questo il libro perfetto, riuscendo in poche pagine a dare una rappresentazione delle dinamiche geopolitiche che stanno interessando l intero globo, delle dinamiche economiche alla base della crisi mondiale, delle grandi contraddizioni del politico Obama e, pagine pi significative di tutte, individuando ed in questo il libro presenta il suo punto di forza nella nuova scuola della Modern Monetary Theory la scuola di pensiero economica che pu salvarci dal baratro In completa controtendenza rispetto a quanto viene quotidianamente ritenuto come necessario ed ineluttabile da giornalisti, politici e tecnici di ogni colore e parte.